10 Cose da fare a Marsala (TP)

Carissimi lettori, oggi vi parlo di una perla del mediterraneo: MARSALA (TP).

Una città ricca di storia, cultura… e bellezze naturali.

Sicuramente avrete sentito parlare di questa città, per lo sbarco di Giuseppe Garibaldi avvenuto l’11 Maggio 1860, e per la notevole produzione dell’omonimo vino.

Beh… tutto vero, ma Marsala è anche altro!!!

Diceva di lei Cicerone, che fu questore della città tra il 76 al 75 a.c.: “pulcherrima sed ventosa”…che dal latino vuol dire: “Bellissima ma ventosa”.

Sì, perché la città è spesso attraversata dal vento caldo di Scirocco. Queste condizioni meteo, insieme alla presenza di una laguna con acqua calda e bassa hanno fatto in modo che divenisse negli ultimi dieci anni meta prediletta di riders proveniente da tutto il mondo, che nelle acque dello Stagnone si allenano e si sfidano nella pratica del Kite surf.

Eccovi la mia top ten, delle attività che meritano di essere svolte, e dei luoghi che meritano di essere visti per chi deciderà di visitare questa splendida città.

10 COSE DA FARE/VEDERE:

  1. Visitare le saline di Marsala, ed il museo del sale, in c/da Ettore Infersa, sul versante nord della città. Ancora meglio se fatto sorseggiando un buon drink davanti ai mulini a vento, al tramonto. Nulla di più romantico!
  2. Le passeggiate serali nel centro storico della città. Infatti, il cosiddetto “Cassero” che è in realtà la centralissima via XI Maggio, è il luogo perfetto per lo shopping, e per vivere la movida marsalese.
  3. Visitare il museo archeologico “Baglio Anselmi”. Sul lungo mare, in prossimità di Capo Boeo, uno dei tre vertici Siciliani, si impone questo ex. stabilimento, adibito oggi a museo. Lì è possibile osservare il relitto di una nave punica, e moltissimi altri reperti archeologici. Inoltre proprio alle spalle del museo vi è l’ingresso dell’insula romana.
  4. Rilassarsi in spiaggia. Oltre a moltissimi lidi attrezzati, ci sono ancora diverse zone di spiaggia libera, in cui è possibile tuffarsi in acque cristalline, dal fondale sabbioso.
  5. Visitare la riserva naturale della laguna dello stagnone. La laguna comprende tre isole tra cui, Mozia, Isola lunga e Santa Maria. Le isolette sono facilmente raggiungibili sia in canoa (esperienza assolutamente consigliata) che attraverso i traghetti dedicati. Se si è in zona, inoltre, ci si può immergere nelle “acque rosa”. Proprio così, perché un po’ nascoste da occhi indiscrete, sul lato nord dell’isola lunga, si nascondono le antiche saline. Lì, nel periodo estivo, l’acqua assume una colorazione rosa intenso che rende magica l’atmosfera.
  6. Vedere le imponenti “Porte” della antica città, e ciò che rimane delle cinta murarie.
  7. Ascoltare un concerto di musica classica al Teatro comunale “Eliodoro Sollima”, e vedere l’imponente teatro “Impero”.
  8. Mangiare prodotti tipici siciliani;
  9. Visitare le innumerevoli cantine presenti in città, e degustare il famosissimo vino “Marsala”.
  10. Visitare la città nei giorni della settimana santa, e vedere le sacre rappresentazioni, della morte di cristo e la crocifissione. Soprattutto il giovedì santo, le vie del centro storico si riempiono di cittadini e turisti per vedere la rievocazione di alcune scene del Vangelo, interpretate ed in parte recitata da centinaia di volontari. Il venerdì precedente alla Pasqua, invece, la statua della madonna “Addolorata”, è accompagnata da migliaia di fedeli in processione per le vie del centro.

Scegliere soltanto 10 attività/luoghi è stato più difficile di quel che pensassi…perché Marsala, da sempre culla di popoli e culture diverse, ha davvero tanto da mostrare.

Vi aspetto presto nella mia città! 😉

Vita Maria

Rispondi