Category

Mamme a Colori

Category

Secondo Sitly, la piattaforma  dei babysitter,  le madri lavoratrici incontrano molte difficoltà in Italia. Salve cari amici di Scrivere a colori, oggi vi parlo di un argomento  che mi tocca nel profondo, la figura della mamma! Nella nostra società  assume un ruolo di fondamentale importanza perché provvede al benessere primario e fisico del bambino, ne influenza fondamentalmente anche l’aspetto educativo e psicologico. Un ruolo quindi delicato ma che non viene riconosciuto come tale, perché  non gli viene dato nessun tipo di aiuto. Essere mamma lavoratrice, il tuo ruolo diventa ancora più  difficile perché oltre ad accudire i figli c’è anche la casa, il far da mangiare a tutta la famiglia, per  le più fortunate ci sono i nonni ma per le altre? Secondo una ricerca condotta a livello europeo da Sitly, piattaforma online che mette in contatto genitori e babysitter, conciliare lavoro e famiglia  veramente difficile. L’80% delle donne italiane…

Come scegliere la Babysitter giusta, ecco la nostra guida! Oggi vi parliamo di BabySitter… Innanzitutto spieghiamo cos’è questa figura professionale, Una bambinaia(o baby-sitter in inglese) è una persona che per lavoro si occupa di curare (a tempo pieno oppure occasionalmente) i figli di altre persone. Dalla definizione si capisce che la scelta è molto delicata ed importante per questo oggi vi spiegheremo  come scegliere al meglio e senza stress la babysitter che si occuperà dei vostri bambini quando voi non ci siete. Prima di iniziare vi poniamo una domanda… Mamma, sai scegliere la babysitter perfetta? Trovare la tata ideale può essere impegnativo per i genitori. Che siate alla ricerca di un asilo, di una babysitter o di un’educatrice professionista, sono molte le cose da tenere a mente. Ad esempio, è meglio il nido o l’educatrice per rispondere ai bisogni di vostro figlio? Come assicurarvi che sia felice? Per aiutare i genitori a fare le scelte migliori per…

Carissimi, oggi vogliamo vedere solo i vostri sorrisi splendenti quindi vi proponiamo un dolce divertente e d’effetto! I miei aiutanti preferiti per “cucchiaiare” questo dolce sono i bimbi, a loro piacerà moltissimo!!! Eccovi quindi, una ricetta divertentissima, da fare con i bambini! Ingredienti: 3 uova intere; 250 g di farina 0/0; 250 g di zucchero; 120 ml di acqua; 100 ml di olio; Scorza di limone grattugiata; 1 busta di lievito per dolci; 1 cucchiaio di cacao in polvere; 2 ciotole; Preparazione: 40 minuti cottura , 15 minuti per ingredienti + presentazione 8 porzioni Preparazione Preparare tutti gli ingredienti, grattugiate la scorza di limone e setacciate la farina. 2. Montare le uova con lo zucchero finchè non verrà fuori un composto spumoso, giallo e brillante 3. Aggiungere nell’ordine acqua, olio, farina setacciata, lievito e  scorze di limone. Se usate un robot…

S.O.S. COMPITI: IMPARARE A GESTIRLI EVITANDO URLA E STRESS La scuola è ormai iniziata e con essa anche i problemi legati alla gestione dei compiti, un argomento molto dibattuto, che spesso ha dei grandi risvolti anche sulla vita familiare. Sempre più frequentemente infatti i compiti a casa sono una delle maggiori cause di attrito in quanto, le ore spese sui libri, invece di essere un piacevole momento per stare vicino al proprio figlio, si trasformano in un’occasione di scontro e conflitto tra genitori e figli. Ecco allora 3 pratici consigli per evitare pianti, urla e litigi. IL VERO OBIETTIVO DEL “FARE” I COMPITI I compiti hanno uno scopo ben preciso, e sono davvero utili, quando l’obbiettivo è ben chiaro al genitore. I compiti per casa infatti servono innanzitutto per consolidare ciò che si è fatto durante le ore di scuola. Per questo motivo è importante che questi siano…

Quando la data presunta del parto si avvicina, la futura mamma brama e teme quel momento, ma quando la data passa senza che nulla accada, è lì che nasce il desiderio di smuovere le cose. Ecco allora comparire all’uscio gli svariati consigli di presunte tecniche per avviare il parto. Il più noto è senza dubbio quello di ‘scomodare’ la luna; purtroppo per noi donne non c’è alcun fondamento scientifico a sostenere una connessione tra la fase lunare e il concepimento e la nascita dei bambini. Personalmente ho passato ben 3 lune e ogni volta dormivo beata. Concordo, non vi fidate e affidate alla luna. “Lava i pavimenti” consigliava la bisnonna dei mie bimbi, già la sindrome del nido ci spinge a sistemare e pulire oltremodo, affaccendarsi per di più per stimolare le contrazioni avrà come unico risultato di farci stancare, e ciò non è cosa buona e giusta a ridosso…

Ed eccoci qui, passano gli anni ed aumentano le emozioni! Siamo arrivati alla prima elementare, Evviva! Aiuto c’è modo di scappare? Di potersela svignare? No è vabbe mi devo rassegnare, da qui la strada sarà tutta in salita che c…o, Mamma attenta non si dicono le parolacce! Ma come faccio a non dirle fino a ieri stringevo fra le braccia uno scricciolo ed ora siamo arrivati al primo giorno delle elementari! Io ancora non ci credo che sono passati ben sei anni e la mia bimba è cresciuta. Non ci ho creduto fino al giorno della recita scolastica, nel momento in cui gli hanno dato il diploma, mi sono detta “ Cavolo allora è vero la mia bimba è cresciuta”. Le emozioni di quel giorno, non si possono descrivere a parole, è stata un fiume di lacrime. Vederla lì fiera di quel pezzo di carta che stringeva nelle mani,…

Carissime amici di Scrivere a Colori oggi parliamo di Zàcchete un progetto nato da un’idea di Antonella, architetto e mamma di 2 bambini. L’idea ha l’obiettivo di realizzare una linea di abbigliamento intimo per bebè nuova ed innovativa che utilizza il velcro al posto degli automatici in metallo. Un’idea tanto semplice quanto innovativa…tanto da essere stata brevettata! Ma scopriamo si più. Il capo base è un body intimo provvisto di una allacciatura in velcro morbido. In questo modo vengono eliminati i bottoncini automatici in metallo ma non solo. L’allacciatura è spostata dal cavallo all’addome e questo facilita notevolmente il cambio del pannolino. Inoltre il body può avere un uso multiforme: ha una vestibilità di circa 3 taglie, è molto agevole da usare con i pannolini lavabili, può essere usato in autonomia dai bimbi un po’ più grandi e dulcis in fundo è regolabile fino a trovare la misura giusta senza…

Ciao cari amici di Scrivere a Colori, oggi inizia la nostra nuova Rubrica di Mamme a Colori, in cui si parlerà del mondo delle Mamme! Oggi in particolare, la nostra Viviana ci parlerà del coraggio delle Mamme che lavorano! La mamma che lavora fuori casa si divide tra fogli da stampare e vestiti da stirare. La mamma che lavora fuori casa è in guerra con l’orologio del cartellino e con l’orologio del supermercato. La mamma che lavora fuori casa ha continui sensi di colpa, che si trovi a casa o a lavoro fa lo stesso. La mamma che lavora è disponibile solo il weekend, quando non ha 10 lavatrici da caricare, 5 ceste di bucato da stirare, compiti da controllare, letti da rifare. La mamma che lavora non conosce tutti i compagni di scuola di suo figlio, perché al mattino presto ne incontra solo 4 o 5 se esce di…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: