Libreria per Bambini: Angiolino e il paese dei mai di Francesca Rossini!

 

 

Autore: Francesca Rossini, è un’insegnante del 205° circolo di Anguillara Sabazia, con la passione per la lettura e il disegno. Ha pubblicato i romanzi Phoenix-operazione parrot; Phoenix-persecuzioni; Mamma e papà sono single e il maestro parla strano. I suoi libri per bambini: Il mio amico Fiore; Brrr che paura!

Noi di scrivere a colori abbiamo avuto l’onore di intervistarla, se vi và di leggere l’intervista potete cliccare qui.

Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform

Data di pubblicazione: 17/06/2016

Formato: Libro Cartaceo

Descrizione: Questa è la storia di Angiolino, un ragazzino dalle orecchie enormi e pelose, che stufo di esser preso in giro dai bulli della scuola, decide di affrontare un viaggio lungo e pericoloso, pur di raggiungere Desiderio. Il mago potrà donargli delle orecchie normali. Durante il cammino però Angiolino si accorgerà che ci sono cose più importanti dell’aspetto fisico, quali l’amicizia, il coraggio, cercare di non aver paura, tutte cose che prima ignorava. Angiolino affronterà un viaggio in un mondo incantato dove scoprirà il valore dell’amicizia, ma non solo scoprirà anche che per vivere non conta l’aspetto fisico, ma bensì avere coraggio nell’affrontare i piccoli e grandi problemi della vita. Il potere dell’amicizia e del credere nelle proprie capacità.

Giudizio: Consiglio questo libro, perché attraverso esso i bambini possono imparare ad andare oltre le apparenze e ad avere più coraggio nell’affrontare le piccole difficoltà quotidiane.


Dove acquistarlo:  vi lascio il link di Amazon dove potete acquistare il libro se vi và.

Fateci sapere con un commento se il libro o l’intervista vi sono piaciuti.

Enisla Meca!

 

Letture che fanno “volare”: “Lo zaino è pronto, io no” di Marco Lovisolo

Buongiorno amiche ed amici!

Viste le belle giornate, qualche settimana fa, ho deciso di iniziare a leggere un libro, nelle mie ore di relax.

La scelta è ricaduta su: “Lo zaino è pronto, io no”, di Marco Lovisolo.

 

Libro "Lo zaino è pronto, io no"

 

Come avrete capito, l’argomento principale è il viaggio…

L’autore, ha raccolto in poco più di duecento pagine, tutto ciò che ha reputato degno di nota, durante i suoi innumerevoli viaggi in giro per il mondo.

Una sorta di “Diario di bordo”, che racconta dall’incontro fortuito con un simpatico abitante di un villaggio africano, alla felicità provata nel poter rifare semplici attività della vita quotidiana, snobbate durante una vita intera, e che diventano lusso, quando si vive “allo stato brado”. 

Il tutto è raccontato con uno stile di scrittura informale ed ironico, che dona al libro leggerezza (per leggerezza, intendo la “leggerezza di Calvino”, intesa cioè un come valore, e non certo un difetto).

Non vi nascondo, che non appena letto che lo scrittore era un tecnico informatico, ho messo nella mia mente tanti pregiudizi:“Che avrà mai potuto scrivere uno di quelli che vive la vita tra numeri, simboli e ciber spazi?” 

Invece…mi sono ricreduta sin dalle prime pagine.

Il libro svela un’anima profonda, un ragazzo amante dell’avventura, diventato adesso uomo. Un papà, che riflette e fa riflettere su tante tematiche importanti come la povertà, le differenze culturali, l’importanza dell’ampliamento dei propri orizzonti. 

La cosa che mi è piaciuta di più sono le ultime due pagine di ogni capitolo. Infatti, Marco, regala al lettore i suoi personali consigli, divisi in: “10 cose da fare”, e “10 cose da non fare”. Una sorta di vademecum per affrontare i viaggi nel migliore dei modi.

Il libro ha rafforzato in me, la voglia di partire, e soprattutto con la sua “leggerezza”, mi ha fatto “volare” con la mente, in luoghi che ahimè, ancora non ho avuto la fortuna di visitare.

Se vi ho incuriosito con questo articolo, potete acquistare subito il libro su Amazon, sia in formato Kindle, che cartaceo con copertina flessibile.

 Per gli amici siciliani, inoltre, potrete trovarlo dal 24 al 28 Giugno, a Taormina, in occasione del Taobuk, allo stand Youcanprint.

Voglio chiudere l’articolo con una frase di Italo Calvino, tratta proprio da una delle sue “lezioni americane”, perché secondo me rispecchia sia lo stile di scrittura, che il messaggio che l’autore vuole dare con il suo libro.

“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità. Ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”.

 

Fatemi sapere con un commento, se il mio pensiero rispecchia il vostro, e se anche a voi, dopo la lettura de “Lo zaino è pronto, io no”, è venuta voglia di buttare dentro ad uno zaino lo stretto necessario e partire, alla ricerca di nuove avventure.

Non mi resta che dire… Buona lettura!!!

 

Vita Maria Casano

Intervista a Francesca Rossini, autrice di: “Angiolino e il paese del mai”

Buongiorno amici ed amiche di “Scrivere a colori”,

oggi vi parliamo di Francesca Rossini, autrice del libro per bambini “Angiolino e il paese del mai”.

Io ho letto questo libro alle mie bambine pochissimo tempo fa, e da subito mi è sorta la curiosità di conoscere un po’ meglio questa giovane mamma in carriera.

 

  

Ecco cosa ci ha confidato:

Ci Parli un po’ di Lei…
Innanzi tutto grazie per l’opportunità di farmi conoscere. Sono un’insegnante e adoro disegnare e scrivere, sono la mia passione e la mia valvola di sfogo.

  Com’è nata la sua passione per la scrittura?
Ho sempre amato leggere, scrivere credo sia stata una naturale evoluzione di questa passione

  “Angiolino e il paese del mai” è  suo primo libro? Se no, quanti altri libri ha scritto?
È il mio primissimo scritto, in cui sfocia La mia prima passione per la letteratura infantile . Ma non pensavo di pubblicarlo, ho capito di voler e poter scrivere per un pubblico più ampio anni dopo, quando è nato il mio primo rimanzo Phoenix e da lì non mi sino più fermata 🙂

 

 


    Com’è nato questo romanzo?
avevo credo 23 anni, ma quasi ultimo pubblicato. È nato per esigenza didattica per una classe che tendeva a discriminare, in cui c’erano bambini che temevo sviluppassero sfiducia in se stessi a causa di alcuni difetti fisici o estrema chiusura di carattere. L’ho scritto tutto aspettando l’autobus e illustrato pian piano.

    C’è un po’ di lei in questo romanzo?
C’è la mia parte di insegnante, anche il mio io bambino, la positività, il cercare di vedere sempre le cose da più prospettive, l’importanza che do all’amicizia , ma anche nel credere nelle proprie forze.

Ci racconti l’emozione del suo primo libro pubblicato…    
In gravidanza e poi dopo, aspettando la poppata notturna di mia figlia, ho sentito l’esigenza di scrivere… non son più riuscita a smettere. Ho fatto leggere a mia sorella e ad alcune amiche che mi hanno spronato a proporlo. Così per gioco ho inviato. La mail positiva dell’editore mi ha catapultato in un mondo nuovo, emozionante, ma anche faticoso e a volte stressante. Ma mi ha cambiato la vita, mi ha aperto le porte a una nuova parte di me, che evade e sogna attraverso le pagine scritte.

    Lei si definisce uno scrittore?
Mi definisco autrice perché tecnicamente lo sono, mi sento scribacchina. C’è sempre tanto da imparare e io, nonostante cinque pubblicazioni e due in uscita ho tanta strada da fare, tante scoperte, tante esperienze, tante cose da studiare per migliorarmi.

Mi dica tre aggettivi che identificano lei e tre per il suo libro.
Io sono tenace, timida, sognatrice
Il libro è colorato, positivo, istruttivo

 Che consigli daresti a chi sta iniziando un libro?
Nessuno in particolare se non rilassarsi e godersi una lettura , meglio ad alta voce per / con il proprio figlio o per i propri alunni
   
Prossimamente ha in programma di scrivere altri libri?
Certo! Mai fermarsi, adoro scrivere. Io poi amo le sfide e sperimentare nuovi generi. Ho due romanzi in fase di editing e uno in uscita con una collega ed amica… insomma, mai smettere di coltivare i propri sogni!

 

 

Non ho voluto “spoilerare” nulla perché il bello della lettura è scoprire la storia via via leggendo…

Vi voglio solo dire che da una mamma, insegnante, disegnatrice e scrittrice non poteva che venir fuori un libro ben scritto e ben illustrato, che tratta di una tematica attuale (la discriminazione) e che oltre a divertire, mira ad insegnare qualcosa di importante ai nostri bimbi.

Se siete curiosi, potrete scoprire la storia di “Angiolino” acquistando il libro su Amazon.

Buona lettura,

Enisla Meca

“Philomena”: la storia di una madre coraggiosa!

Autore: Martin Sixsmith

 

Editore:Edizione Piemme

 

Data di pubblicazione: 03/12/2013

 

Formato: E-book


Descrizione: Oggi vi racconto di  “Philomena” un libro che mi ha molto emozionato, racconta la storia realmente accaduta  di  Philomena, una  ragazza semplice ed ingenua, rimasta incinta in giovane età, e a cui hanno tolto il suo bambino.  Dalle pagine del romanzo, il regista Stephen Frears, ha proposto la sua trasposzione cinematografica nella pellicola:  “Philomena” con Judi Dench e Steve Coogan, del 2013.

Gli avvenimenti sono avvenuti negli anni ’50, in un periodo in cui se una ragazza rimaneva incinta senza essere sposata veniva ripudiata.  Questo è ciò che è successo a Philomena. Venne mandata in un convento di monache all’apparenza buone, che avevano  lo scopo di aiutare queste giovani madri, ma che in realtà toglievano i bambini e li vendevano a famiglie benestanti che pagavano profumatamente.

Questo libro mostra la forza di questa donna che nonostante siano passati 50 anni, non si è mai dimenticata del figlio perché in fondo le mamme sono così: non si dimenticano dei loro cuccioli sono parte di loro.  Spinta dal desiderio di ritrovare il figlio, inizia la sua avventura. Verrà aiutata dal giornalista Martin SixSmith (che successivamente scriverà il libro sulla sua storia),viaggerà alla ricerca informazioni e scoprirà che è stato adottato,  che è diventato avvocato di successo,  che ha vissuto una relazione amorosa particolare e della sua morte, avvenuta per AIDS nel 1995.

In questo libro, oltre alla forza di Philomena si percepisce il suo coraggio nel perdonare chi le ha fatto così tanto MALE.

Mi ha colpito  per il semplice fatto che noi esseri umani abbiamo difficoltà nel perdonare, non riusciamo ad accettare il torto subito, preferiamo molto di più  odiare.  E’ un sentimento che ci dà consolazione, purtroppo però è apparente perché con il tempo, l’odio ci logora dentro, non ci permette di vivere in pace con te stesso e con gli altri.

Per vivere una vita più serena dobbiamo lasciar andare le sofferenze del passato perdonando..questo non è un sentimento di debolezza ma bensì di FORZA!!!

Quindi prendiamo esempio da questa donna nonostante tutto e tutti è riuscita ad andare avanti perdonando… Facciamolo anche noi per permetterci di vivere in modo più sereno.

 

Giudizio: Lo consiglio perché mi ha fatto emozionare.


Dove acquistarlo: Amazon


Enisla Meca!

#Librottini Disney Baby: Le mie prime parole!

 

Ciao cari amici di Scrivere a Colori, oggi vi parleremo per la rubrica “Passione libri” di libri per i più piccini la linea Librottini della Disney Baby.

Questa linea di libri, è ideale per i bambini, possono portarle ovunque la loro favola, soprattutto in viaggio,senza occupare molto spazio, perchè piccoli e manegevoli.

A noi piacciono molto e ne abbiamo comprati tanti, e in questa rubrica ve li mostreremo tutti!

Oggi parliamo di “Le mie prime parole”

Le mie prime parole

Autore: Disney Baby

Editore: www.j-think.com

Data di pubblicazione: 2013

Età: adatto dai bimbi di un anno in sù


Descrizione
A questo libro io e le mie bimbe siamo molto affezionate, è stato il primo libro che ho comprato alla mia primogenita.

È adatto per insegnare le prime paroline ai neonati, come “mamma”, “papà” ecc. ecc.

Attraverso le figure i bambini, possono ricollegarsi alle paroline lette dai genitori.

Ha un formato manegevole e una struttura solida a prova di manine di bambini.

Giudizio

Molto bello e colorato, qualche parolina un po’ difficile, ma tutto sommato lo consiglio

Dove acquistarlo:


Disney Baby – Librottini – Le mie prime parole

Enisla Meca!

“Solo bagaglio a mano” un libro di Gabriele Romagnoli

Cari lettori di Scrivere a Colori, oggi per la rubrica “Passione libri” vi parlerò della mia ultima lettura!

Qualche mese fa, parlai con un’amica dell’importanza della lettura, e di libri che segnano l’esistenza.

Ricordo bene che si fermò, si diresse verso la libreria del salotto e mi diede tra le mani, un piccolo libro, arancione… «tieni, te lo presto…questo lo devi leggere assolutamente».

Il libro in questione era “Solo bagaglio a mano” di Gabriele Romagnoli, edito dalla Feltrinelli nel 2015. Misi il libro sul comodino e aspettai…forse perché solitamente prediligo libri di fantasia o romanzi, forse per paura di leggerlo e non provare lo stesso entusiasmo della mia amica.

Poi lo scorso week-end, finalmente, ho trovato il coraggio di iniziare la lettura…e l’ho divorato!

Romagnoli è un giornalista e scrittore italiano, nato a Bologna nel 1960, ma cittadino del mondo. Come scrive anche sul libro: “Se resti nella stessa casella, stesso quartiere, lavoro, gruppo familiare, quel gran tiratore che è il destino avrà più agio nel prendere la mira”. Forse per questo, ha deciso nel corso della vita di visitare 100 paesi, ha abitato in 4 continenti, e in ognuno di essi ha cercato di conoscerne il più possibile la cultura, le tradizioni, le paure e le speranze.

Il libro, è composto da 87 pagine che raccontano una serie di aneddoti, storie e riflessioni che portano il lettore a meditare su quanto si ha di superfluo nella vita. Armadi pieni di vestiti, amici, contatti sul telefono, oggetti che abbiamo riposto a prendere spazio o polvere perché: «potrà servire, per un’occasione speciale», oppure: «mi ricorda questo o quello che è successo tanti anni fa».

In realtà quel che ci serve è “solo un bagaglio a mano”, una leggerezza, materiale ma soprattutto morale.

Nella società odierna, del “tutto e subito”, Romagnoli loda il valore del necessario, perché è vero che “di fronte ad una valigia grande si tende a riempirla di quel che ci sta. Nel bagaglio a mano, entra quel che si vuole”.

Una lettura veloce, ma intensa. Un buon libro da leggere in viaggio o tenere in borsa, visto le piccole dimensioni. A me è piaciuto tanto… e ringrazio la mia amica per il consiglio.

Potrete acquistarlo facilmente online sul sito della Feltrinelli o su Amazon anche in formato Kindle.

Fateci sapere cosa ne pensate, aspettiamo i vostri commenti giù, o anche sulle pagine Social del blog.

Buona lettura e buon week-end!

Vita Maria

Progetto “Toccare per apprendere” Associazione Le Carlotte!

Ciao cari amici di scrivere a colori, oggi ospitiamo nel nostro blog l’Associazione Culturale Le Carlotte, per la nostra rubrica “Passione Libri” che ci racconteranno, com’è nato e che cos’è questa loro Progetto “Toccare per Apprendere”

“Siamo un trio creativo (Antonella, Daniele e Sara) formatosi nel 2011 dopo l’ incontro con lo stilista Carlo Costa, che ha accettato di tramandarci la sua esperienza nel cucito.

Dall’ iniziale collaborazione è nata una sincera amicizia che ha dato vita al gruppo “le Carlotte”.

Unite dalla stessa passione, voglia di creare e metterci in gioco, abbiamo fantasticato su come applicare i nuovi insegnamenti di Carlo a una nostra produzione.

E’ nata così l’idea di realizzare libri interamente realizzati in stoffa, dedicati principalmente al mondo dei bambini, ma non solo.

Sono libri cuciti artigianalmente, pezzi unici realizzati attraverso l’uso del riciclo, ma soprattutto della valorizzazione di tutti quei tessuti che appartengono alla tradizione italiana, come antichi pizzi realizzati a mano e passamanerie d’epoca.

Il nostro scopo è quello di “far toccare” ai bambini tessuti quasi scomparsi, ma anche farli avvicinare ai nuovi materiali come le stoffe realizzate in bambù, mais, soia ecc…

Dedichiamo grande attenzione alla ricerca, non solo nel campo puramente tecnico, ma soprattutto nell’offerta formativa che si svolge attraverso il contatto diretto con i bambini.

Durante i laboratori proiettiamo i bimbi in un mondo fantastico fatto tutto di stoffa e , tramite il gioco, cerchiamo di favorire lo sviluppo della fantasia e manualità.

L’avvicinamento alla lettura, la scoperta dell’oggetto “libro” (per i più piccoli) , la consapevolezza tattile, sono tra i principali obbiettivi del nostro lavoro, sempre in continua evoluzione e plasmato sui nuovi stimoli che arrivano dagli stessi bambini.

Ma gli stimoli non arrivano solo dai piccini: infatti spesso realizziamo libri commissionati da adulti per adulti, come il libro dedicato al mondo di Leonardo da Vinci, un’opera artigianale che catapulta nell’atmosfera del rinascimento italiano.

Per concretizzare il nostro messaggio, abbiamo fondato un ‘associazione culturale che ha lo scopo principale di promuovere la pratica artistica come risorsa personale e sociale, creare momenti di crescita collettiva attraverso un cammino etico basato sul riciclo e sulla valorizzazione di prodotti tessili. momenti di convivialità incontri collettivi

La filosofia dell’Associazione è quella di comunicare attraverso i sensi, far toccare con mano le stoffe che raccontano una storia, stimolare la fantasia e il piacere di apprendere giocando.”

Anteprima libri Le Carlotte

Grazi all’associazione Le Carlotte per averci parlato per loro progetto

Ecco i loro contatti ne caso v’interessa:

sito:Le Carlotte

pagina facebook:Le Carlotte Associazione Culturale

Dategli un’occhiata, ci sono tante cosette carine!

Grazie a voi cari amici alla prossima con un’altro post!

 

Nuova Rubrica: Passione Libri! Tutto sul mondo dei Libri!

 

Salve cari amici di scrivere a colori, oggi vi voglio presentare la nuova rubrica dedicata al mondo dei libri.

La rubrica si chiamerà “Passione Libri” e sarà suddivisa in quattro sottocategorie che sono:

  • libri per grandi;

  • libri per piccoli;

  • libri per il mondo del blogging,

  • curiosità.

Perchè questa rubrica? Perchè io adoro leggere, anche se negli ultimi anni, le mie letture sono passate dai romanzi rosa alle favole e fiabe, diciamo che nonostante tutto non ho smesso di leggere.

Contine reading