Idea n. 2 per riciclare il cioccolato delle uova di Pasqua: “La Torta Lindt”

Carissimi amici di “Scrivere a colori”,

come promesso proseguono gli articoli con le idee per riciclare il cioccolato delle uova di Pasqua che ancora abbonda nelle nostre cucine.

Per hi se la fosse persa, la prima ricetta è stata quella dei Muffin al cioccolato,oggi invece, vi propongo la “Torta Lindt”.

 

 

 

Una golosissima  e soffice torta che spopola da un po’ su internet, e che io ho sfornato tantissime volte, perché i miei familiari la adorno!

LA torta prende il nome dal famosissimo brand di cioccolato, (che come tutti sappiamo è ottimo, ma un po’ costoso), ma per la realizzazione naturalmente è possibile utilizzare qualsiasi tipo di cioccolato, noi in questo caso abbiamo sciolto e riutilizzato quello delle uova di Pasqua.

 

INGREDIENTI PER LA BASE:

100 g di cioccolato fondente;

3 uova;

50 g di burro;

150 g di zucchero;

100 g farina 0/0;

1 cucchiaino di lievito per dolci:

 

INGREDIENTI PER LA GLASSA:

50 g di burro;

200 g di cioccolato al latte;

200 g di panna liquida per dolci;

 

PROCEDIMENTO:

Per prima cosa, fondiamo insieme a bagnomaria, in un pentolino burro e cioccolato fondente. In una terrina montiamo le uova insieme con lo zucchero, poi aggiungiamo il cioccolato fuso e continuiamo a mescolare.  Aggiungere farina e lievito e versare il tutto in una teglia per crostata (quelle con la scanalatura sulla base, già imburrata e infarinata per bene). Infornare a 160° per circa 30 min.

Mentre la base della torta è in forno, fondere in un pentolino il cioccolato al latte insieme alla panna, mescolare sempre dallo stesso verso,  fino ad ottenere una glassa liscia.

Capovolgere il panettone cotto, e lasciarlo raffreddare. Poi versare la glassa dentro alla scanalatura del panettone, e metterlo a riposo in frigo per 2 ore per far solidificare per bene la glassa.

(Sì…è tanto tempo, ma vi assicuro ne varrà la pena!).

Come decorazione io ho aggiunto dei confettini colorati al cioccolato, ma è così buona che va bene anche senza alcuna decorazione.

Buon Appetito!!!

 

Vita Maria

Intervista a Lucia Vannini, una Professoressa On Line ed il suo Progetto “Mondo Lezioni”!

 

Cari amici di Scrivere a Colori, oggi per voi abbiamo intervistato una professoressa particolare che ha un modo tutto suo d’insegnare, anzi di fare ripetizioni.

Ecco la sua intervista:

1)Parlaci un po’ di te.

Ciao a tutti, sono Lucia Vannini abito 

nella verdissima Toscana, ad Arezzo per la precisione e ho un obiettivo: rendere semplici ed
economiche le ripetizioni scolastiche. Due anni fa ho creato Mondo Lezioni con lo scopo di diventare un punto di riferimento per tutti coloro che hanno bisogno d’aiuto nello studio. Durante questi due anni Mondo Lezioni è cresciuto più o meno rapidamente aiutando decine di studenti e professionisti in tutta Italia. Oggi posso fieramente dire che la mia idea, nata con un briciolo di sfida e incoscienza, si sta invece rivelando vincente (facendo le dovute corna!).

2) Com’è nata la passione per le ripetizioni?
Il mio progetto non è un progetto di ripetizioni nel senso stretto, ma è un progetto, che ha come obiettivo quello di trovare il Prof. giusto per i nostri studenti. Grazie al Web possiamo trovare i migliori Insegnanti d’Italia e mettere in contatto un Prof. di Trento con uno studente di Palermo! Con Mondo Lezioni non offriamo solo ripetizioni scolastiche, ma anche corsi di formazione professionali e aiuto compiti in genere. In linea di massima possiamo dire che Mondo lezioni è un Tutor online che esaudisce i desideri dell’allievo sotto ogni punto di vista, non è raro infatti che, oltre alle classiche ripetizioni scolastiche, i nostri Prof. aiutino gli studenti anche nel recupero di un compito specifico o al recupero del debito scolastico.

3) Il servizio è solo online o anche dal vivo?
Il servizio è solo online ma è anche dal vivo! Professore e allievo si incontrano su piattaforme gratuite come Skype, hanno la possibilità di vedersi attraverso la webacam e di fare una vera e propria lezione personalizzata anche se distante centinaia di Km.


4) Quali sono le materie più richieste?
Devo dire che Mondo lezioni ha un vantaggio, riesce a scovare l’Insegnante giusto per ogni materia. Certamente tra le più richieste troviamo: Matematica, Inglese, Greco, ma non di rado organizziamo corsi personalizzati per materie più specifiche come Estimo e lingua Russa.

5) Perché le famiglie dovrebbero scegliere le ripetizioni on line invece che dal vivo? Ci sono dei vantaggi?
Assolutamente sì! Il primo vantaggio è certamente quello economico: le nostre ripetizioni non solo costano meno di quelle a domicilio ma vengono fatturate al contrario delle lezioni private; questo porta il genitore un vantaggio non da poco perché, può scaricare le lezioni poiché inviamo la fattura. L’altro vantaggio su cui ci dobbiamo concentrare è quello della personalizzazione: i nostri Prof. creano un piano di studio dedicato, differente per ogni studente in base ai suoi bisogni specifici e, non è tutto: le ripetizioni online possono essere seguite in qualsiasi momento della giornata (a seconda della possibilità dell’Insegnante) quindi, nessuna rinuncia nello sport o altre attività extrascolastiche, perché paradossalmente, in accordo con l’insegnante, le lezioni possono essere seguite anche la domenica! Ultimo vantaggio? Lo studente ha a disposizione una rosa d’Insegnanti decisamente grande e, grazie alla prova gratuita, può capire subito se è la persona giusta per lui. Incomprensioni? Mondo Lezioni cambia il professore nell’arco di poche ore finché non trova quello perfetto per Te

In tutta sincerità è una condizione in cui non ci siamo mai trovati perché i nostri Prof, non dovrei dirlo ma un pò mi vanto, sono sempre piaciuti alla prima! Ah dimenticavo: “Mondo Lezioni” è anche su Whatsapp, un canale attuale per un pubblico giovane!

Se vi è piaciuta quest’intervista è volete contattarla, vi lascio i suoi contatti:

  • email: info@mondolezioni.com

  • WhatsApp: 331 7788323

  • Ufficio: 0575 080331

 

Un abbraccio e alla prossima da

Enisla Meca

 

 

 

Muffin…un’ottima idea per riciclare il cioccolato delle uova di Pasqua.

Carissimi amici,

Se anche voi come me, ogni anno dopo Pasqua vi ritrovate a casa tantissimo cioccolato e non sapete cosa farne, questo articolo vi potrà essere d’aiuto!

Io ho pensato di riciclare il cioccolato proponendo un dolce dalle  origini antiche e straniere: il Muffin.

Si tratta di un dolce molto versatile e di cui esistono infinite varianti. Semplice, con delle scaglie di cioccolato è l’ideale per  colazione o per merenda, farcito invece diventa ottimo da mangiare dopo i pasti.

In questo articolo vi propongo la ricetta semplice, da cui si ottengono circa 18 muffin.

 

INGREDIENTI:

400 g farina 0/0;

190 g burro temperatura ambiente;

200 g zucchero;

3 uova;

200 ml latte;

16 g lievito;

200 g cioccolato fondente a pezzetti o gocce di cioccolato;

una bustina di vanillina;

un pizzico di sale;

un cucchiaino di bicarbonato;

teglia per muffin e pirottini di carta.

(Se avete problemi di celiachia, in sostituzione alla farina 0/0, mescolate in una terrina 250 gr di farina di riso e 120 gr di fecola di patate oppure usate 400 g del preparato mix – dolci per celiaci)

 

 

 

PROCEDIMENTO:

Unire per primi: zucchero, burro e uova ed amalgamare il tutto. Aggiungere la farina 0/0, il latte,  il lievito, un pizzico di sale e il bicarbonato e mescolare fino ad ottenere un composto cremoso e senza grumi. Nel frattempo spezzettare la cioccolata delle uova di Pasqua, in piccoli pezzetti ed aggiungerne una parte. Accendere il forno alla temperatura di 180°C. Riempire le formine della teglia a metà (gonfieranno un bel po’ durante la cottura) e aggiungere il cioccolato restante.

Se volete, potete anche scogliere un po’ di cioccolato e unirlo all’impasto…

 

 

Infornare per 15- 20 min.

 Ricordate di non aprire il forno durante la cottura!!!

Un piccolo trucchetto… dopo 15 min. provate ad inserire uno stuzzicadenti all’interno e se uscirà pulito vuol dire che sono già pronti.

Lasciate raffreddare un po’ e decorate come più vi piace. (Io ho spalmato la crema di nocciole e decorato con fragole e confetti colorati, ma sono buonissimi anche semplici).

 

Che ne dite? Secondo me è un dolce ideale per grandi e piccini…

Aspetto di vedere le vostre foto, e di conoscere le vostre ricette per riciclare il cioccolato delle uova di Pasqua!

 

 

 

 

 

A presto,

Vita Maria

#Librottini Disney Baby: Le mie prime parole!

 

Ciao cari amici di Scrivere a Colori, oggi vi parleremo per la rubrica “Passione libri” di libri per i più piccini la linea Librottini della Disney Baby.

Questa linea di libri, è ideale per i bambini, possono portarle ovunque la loro favola, soprattutto in viaggio,senza occupare molto spazio, perchè piccoli e manegevoli.

A noi piacciono molto e ne abbiamo comprati tanti, e in questa rubrica ve li mostreremo tutti!

Oggi parliamo di “Le mie prime parole”

Le mie prime parole

Autore: Disney Baby

Editore: www.j-think.com

Data di pubblicazione: 2013

Età: adatto dai bimbi di un anno in sù


Descrizione
A questo libro io e le mie bimbe siamo molto affezionate, è stato il primo libro che ho comprato alla mia primogenita.

È adatto per insegnare le prime paroline ai neonati, come “mamma”, “papà” ecc. ecc.

Attraverso le figure i bambini, possono ricollegarsi alle paroline lette dai genitori.

Ha un formato manegevole e una struttura solida a prova di manine di bambini.

Giudizio

Molto bello e colorato, qualche parolina un po’ difficile, ma tutto sommato lo consiglio

Dove acquistarlo:


Disney Baby – Librottini – Le mie prime parole

Enisla Meca!

Eventi e tradizioni della Settimana Santa a Marsala!

Cari Lettori, come va?

Essendo ormai entrati nella Settimana Santa, cioè quella che precede il giorno di Pasqua, ho pensato di raccontarvi gli eventi che si svolgono nella mia città, Marsala (TP), in questi giorni.

L’evento che più amo vedere, e che attira ogni anno turisti da ogni parte del mondo, si svolge il giovedì Santo. Per le strade della città si ripropone la sacra rappresentazione della Passione del Signore. Centinaia di cittadini, in spettacolari costumi storici, ripropongono gli ultimi giorni della vita di Gesù.

Le scene, iniziano con l’ingresso di Cristo a Gerusalemme, e si concludono con la resurrezione, creando una lunga processione che sfila e recita per tutto il centro storico.  Potete vedere il programma  2017,a questo link.

 

Processione del Giovedì

 

 

 

Il venerdì, invece, la città si riempie di fedeli che sfilano in preghiera, seguendo un simulacro della  Madonna Addolorata e del Cristo morto. Questa processione, meno spettacolare e folkloristica della prima, è però più  sentita dai marsalesi, e sono numerosissimi coloro che scelgono di percorrerla dall’inizio alla fine, come penitenza. Un giorno di lutto e tristezza, enfatizzato anche dalle musiche suonate dalla banda del paese che accompagna la processione.

 

 

Non è solo nella mia città che si svolgono riti ed eventi religiosi in questi giorni… In Sicilia è molto rinomata la processione “degli incappucciati”di Enna, il venerdì santo che è un bene protetto dall’UNESCO; quella “dei Misteri” a Trapani, e quelle di Caltanissetta.

Avete mai assistito ad eventi religiosi del genere? Sono curiosa di conoscere quel che accade in altre città d’Italia.

Se vi va, commentate e raccontateci altre tradizioni che si svolgono in questa settimana.

Vita Maria

“Scintille di gioia”: Settimana n. 2 – 11/04/2017

Buongiorno, amici di Scrivere a Colori!

Ricordale le “Scintille di Gioia” di Silvia Fanio? Ve ne ho parlato la scorsa settimana proprio sul blog. Oggi, condivido con voi la seconda parte del gioco.

1) La settimana non è iniziata proprio bene… martedì mio marito non si è sentito molto bene, quindi siamo rimasti a casa tutto il giorno. Fortunatamente, dopo un riposino pomeridiano è migliorato un po’, e durante la cena abbiamo visto un film d’animazione con le nostre bimbe, “Zootropolis” della Walt Disney, molto bello e divertente!

2) Qualche piccola soddisfazione con il blog, soprattutto con la pagina di Facebook, dove i like e le interazioni con i Followers sono  in continua crescita.

3) Non poteva finire in modo migliore…il festeggiamento del terzo compleanno di mio nipote. È stata una festa intima, dopo cena, con amici stretti e parenti. La cosa emozionante è stato vedere  giocare le mie piccole con il loro “fratellino” (così mia figlia chiama il cuginetto).

Ecco queste sono state le mie Scintille di Gioia di questa settimana. A voi invece cos’è successo di bello? Se vi va commentate le vostre scintille…

E voi? Avete vissuto Scintille di Gioia?
Se volete partecipare, le regole sono queste:

Come fare?
1- utilizzando l’hastag #scintilledigioia condividete con una foto su Instagram, Facebook, Twitter e/o un post sul blog tre momenti felici vissuti la settimana precedente;
2-nominate il mio blog e date le istruzioni su come partecipare;
3- invitate chi volete a partecipare a questo bellissimo gioco;
4- inviatemi i vostri momenti felici alla mail fiorellinosn@gmail.com mettendo come oggetto “Scintille di Gioia”, in modo che io non me ne perda nemmeno uno!

Un abbraccio,

Enisla Meca!

Pomeriggi Creativi: l’Albero di Pasqua tra storia e fantasia!

Oggi vi presento la nuova rubrica di Scrivere a Colori, “Pomeriggi Creativi”, uno spazio dedicato alle mie bambine.

In questa rubrica vi mostrerò tutti giochi e le attività che faccio io con  loro durante il pomeriggio.

Perchè il pomeriggio?

perchè le nostre attività si spostano tutte di pomeriggio, la grande la mattina va a scuola e la piccola se la prende comoda, preferisce  guardare i cartoni ed io approfitto per fare i lavori di casa.

 

Quindi settimana per settimana, pubblicherò ciò che faremo, che aspettate seguiteci!

 

Questa settimana per voi,  vi faremo vedere come abbiamo realizzato il nostro Albero di Pasqua.

 

UN PO’ DI STORIA

L’albero do Pasqua è una tradizione Scandinava.

La realizzazione del primo albero pasquale, si deve a un certo Volker Kraft che nel 1965, per la gioia dei suoi bambini, addobbò un piccolo albero di mele con 18 uova di plastica colorata.

Man mano che il melo cresceva, Kraft aggiungeva qualche uova utilizzando, per risparmiare, le comuni uova da cucina sapientemente decorate con elementi figurativi.

Crescendo, i suoi figli ereditarono la stessa passione e oggi l’albero conta oltre 10000 uova che pendono dai suoi rami.

Negli ultimi anni sta prendendo piede anche qui in Italia.

Questo per noi è il secondo anno. 

L’anno scorso ci siamo fatti aiutare dalla nostra fioraia di fiducia, lei ce lo ha costruito e noi lo abbiamo solo decorato, invece quest’anno mi sono detta, “Non sarà mica difficile? Proviamoci” .

REALIZZAZIONE

Materiale

  • 3 rami
  • 1 vaso basso
  • spugna  da fiorista
  • colla a caldo
  • uova di polistirolo
  • forbici
  • nastrini colorati
  • Sticker brillanti strass
  • Spillini con la testa colorata

 

Noi prima abbiamo dipinto le uova di polistirolo, nel frattempo che esse si asciugavano, abbiamo montato l’albero.

Disponendo in modo armonioso i rami nel vaso. Per tenerli fermi ci siamo fatti aiutare dalla “spugna da fiorista” (facilmente reperibile e non costa nemmeno tanto) da usare imbibita d’acqua.

Essendo tre i rami, li ho attaccati fra loro con la colla a caldo in questo modo non cedevano.

Per quanto  riguarda la decorazione, potete sbizzarrirvi come volete, io ho lasciato fare alle mie bimbe, infatti le uova sono venute un pò troppo glitterate, perchè una volta dipinte le hanno finite di decorare con gli sticker brillanti strass, e abbiamo dato il colpo finale con farfalline colorate e nastrini sempre colorati, però posso assicurarvi che loro si sono divertite tanto.

Per appendere le uova io ho tagliato un pezzo di nastrino colorato e fissato nel uovo con gli spilli con la testa colorata.

Ecco questa è stata la nostra avventura dell’Albero di Pasqua.

Cosa ne pensate di quest’idea? lasciate un commento.

Alla nostro prossimo attacco creativo!

Enisla Meca 

Segnaposto Pasquale “Fai da te”

 

Buongiorno lettori di “Scrivere a colori”!

Manca davvero poco alla Pasqua 2017, e abbiamo deciso  di iniziare oggi ufficialmente la maratona “Fai da te Pasquale”, per permettervi, se vorrete, di riprodurre le nostre idee in tempo. 

Io ho pensato di proporvi un’idea per la casa, invece, Enisla sta coinvolgendo le sue piccole principesse a fare un lavoretto davvero carino…(ma non voglio svelarvi nulla, ve ne parlerà direttamente lei nei prossimi giorni).

Ho vagato su Internet per ore, in cerca di qualcosa di semplice da rifare e soprattutto utile. Poi, ho trovato degli splendidi segnaposto che secondo me staranno una meraviglia a tavola, durante il pranzo di Pasqua! 

Materiale occorrente:

cartoncino colorato;

forbici;

colla vinilica;

pennarello nero;

uovo sodo;

e tanta fantasia!

Realizzazione:

Disegnare la sagoma di un anatroccolo sul cartoncino colorato di circa 12 cm. Se non siete bravi a disegnare, potete cercare il disegno online, calcando successivamente la sagoma direttamente dallo schermo del vostro pc.

Disegnate le sagome delle ali, gli occhi, e tutti i dettagli che più vi piacciono, e ritagliate il tutto.

Unire in modo speculare le due parti dell’anatroccolo e incollarle su alcuni punti.

(Io per far aderire meglio la colla mi sono aiutata con delle mini mollette… ma non è indispensabile).

Infine essendo un segnaposto, non può mancare il nome dell’invitato. Io ho scritto il nome sull’uovo sodo, ma è possibile scriverlo anche ai lati dell’anatroccolo. 

Che ne pensate? Piaceranno ai miei ospiti?

 

 

Se non l’avete ancora capito, io amo imbandire la tavola con fiori, candele, oggetti e tovaglioli a tema… Per questa Pasqua sono certa che saranno presenti questi simpatici segnaposto…per il resto ancora devo decidere.

Quasi dimenticavo… Stay tuned! Enisla in questi giorni pubblicherà, il lavoro fatto con le sue bimbe.

Che aspettate? Stupite anche voi gli invitati con delle creazioni Fai da te.

Nell’attesa di vedere le vostre idee e gli anatroccoli da voi personalizzati, vi mando un grande bacio!

A presto,

Vita Maria

Scintille di gioia n.1 – 04/04/2017

È la prima volta che provo a fare questo gioco, creato da Silvia Fanio del blog “Scintille di Gioia”.

La scorsa settimana per me è stata piena di emozioni.

Le mie scintille di gioia sono state:

1) Sono andata alla presentazione del film ” I Puffi” alla Warner Bros Italia,  ho conosciuto e ho avuto la possibilità di intervistare Cristina D’Avena. Cioè avete capito bene?!!! La paladina delle sigle dei cartoni animati.

Non potete capire come stavo, emozionatissima.

Alla fine abbiamo fatto anche un selfie.

2) Un’altra cosa emozionante che mi è successa, durante l’evento alla Warner Bros, è che  ho potuto conoscere anche altre mamme blogger, Virginia di “Preferivo fare l’uovo”, Micaela di “Le M cronache” due blog che io seguo e che mi piacciono molto.

 

3) Mia figlia aveva perso un telefono vecchio,  che gli avevamo dato, fortunatamente poi si è ritrovato. Lo aveva dimenticato nella macchina della nonna.

E voi? Avete vissuto Scintille di Gioia?

“Scintille di Gioia” è un’idea di Silvia.  E Queste sono le regole per partecipare:

 

 

Come fare?

1- utilizzando l’hashtag #scintilledigioia condividete con una foto su Instagram, Facebook, Twitter e/o un post sul blog tre momenti felici vissuti la settimana precedente;

2-nominate il mio blog e date le istruzioni su come partecipare;

3- invitate chi volete a partecipare a questo bellissimo gioco;

4- inviatemi i vostri momenti felici alla mail fiorellinosn@gmail.com mettendo come oggetto “Scintille di Gioia”, in modo che io non me ne perda nemmeno uno!

Che aspettate, partecipate!

Enisla Meca

 

Family-sitter: Un sito adatto a tutte le famiglie!

 

 

Cari amici di Scrivere a Colori, come state? Spero bene.

Oggi vi presentiamo un sito molto utile alle famiglie, e a chi è in cerca lavoro nel campo dei bambini. Un sito adatto alla famiglia!

Ce ne parla, chi ha creato questo sito!

Mi chiamo Giovanni e sono l’ideatore del portale family-sitter.com, sito internet che nasce da un’ idea sviluppata all’interno della nostra famiglia.

Mia sorella Claudia è mamma di due gemelline piuttosto vivaci, e a volte è difficile riuscire a trovare un aiuto per accudire le sue bimbe, ad esempio per un impegno improvviso.

Parlando con lei e ascoltando anche le esperienze delle sue amiche, mamme di bimbi piccoli come i suoi, ho pensato che sarebbe stato utile avere un posto accessibile ed intuitivo, dove poter andare a cercare aiuto e che, nello stesso tempo, fosse affidabile e sicuro.

Il portale internet è uno strumento semplice e di veloce consultazione, sia per i giovani che usano internet tutti i giorni per studio e svago sia per le nuove generazioni di genitori ormai sempre più super-social.

Il progetto iniziale, partito pensando al baby-sitting, si è evoluto confrontandomi anche con altre persone, cercando di comprendere le diverse necessità di una famiglia, non solo bambini da accudire ma anche aiuto domestico, aiuto per gli anziani, ripetizioni e lezioni.

Da qui è arrivata l’idea del vegan, ovvero famiglie e baby-sitter che hanno scelto di vivere nel rispetto di questa filosofia, per me una scelta di apertura verso stili di vita diversi dal mio che ritengo siano da rispettare.

Infatti nel portale le famiglie e i candidati vegan possono inserire questa informazione nella creazione del proprio profilo.

Non si tratta di discriminazione verso chi non è vegan, del resto io non lo sono, ma di offrire a queste persone l’opportunità, anche in questi settori, di rapportarsi con chi ha fatto la stessa scelta.

Sono dislessico, e la mia infanzia non è stata facile. Oggi ho 42 anni, e purtroppo ho constatato che un aiuto per le famiglie e i ragazzi dsa  (con disturbi specifici dell’apprendimento), non è sempre disponibile o accessibile attraverso la scuola.

Per questo ho voluto inserire uno spazio dedicato ai tutor dsa all’interno della categoria “aiuto compiti e lezioni”, per creare un luogo di incontro semplice e immediato tra gli operatori specializzati dsa e le famiglie.

Portali che si occupano di attività simili ne esistono già, ma si può sempre migliorare!

Per questo é nato family-sitter.com “l’aiuto in più per tutte le famiglie”.

Una famiglia per tutte le famiglie, pronta ad aiutarle concretamente e in modo professionale in ogni aspetto della vita quotidiana.

Siete alla ricerca di un lavoro? Cercate una baby-sitter? Family-sitter.com può aiutarvi.

Ciao e a presto!

Enisla Meca