Archive

Settembre 2018

Browsing

Carissime amiche, la festa dei nonni, è ormai imminente… e se non avete ancora trovato il regalo giusto per loro, questo è l’articolo che fa per voi!

Il giorno scelto per celebrare questa figura così importante nella vita di un bambino, è stato fissato in Italia al 02 Ottobre, ovvero il giorno in cui la Chiesa celebra gli Angeli custodi.

A pensarci su, non poteva essserci scelta migliore! I nonni aiutano, i nonni comprendono, i nonni ti insegnano la vita e ti stanno vicino in ogni situazione… sempre in modo disinteressato e con il sorriso. Sono gli angeli custodi della nostra infanzia!

Mettono da parte l’egoismo e quel che danno…è solo amore per i propri figli e nipoti.

Poiché dunque siamo in perenne debito con loro, almeno il giorno della loro festa, sarebbe bene farli sentire speciali…

Ecco i 5 regali selezionati da noi:

  1. Uno dei regali più graditi in questo periodo dell’anno, sono le sciarpe. Le nonne amano i foulard di seta, a volte li collezionano anche, quindi regalando un foulard non si puù sbagliare. I nonni, invece, amano più le sciarpe pesanti, di cotone o lana. Non potete capire la soddisfazione, indossando poi la sciarpa, nel dire: “Me l’ha regalata mio nipote”.
  2. Un mazzo di fiori con un biglietto. In questo caso, ricordate che il fiore simbolo di questa festa è il “Myosotis” detto più comunemente: “Non ti scordar di me”.
  3. Il loro profumo preferito. Io, se penso a mia nonna…penso al suo profumo di “zagara” di Sicilia…adora quella fraganza genuina, fresca ma allo stesso tempo così persistente. Un bel regalo è quello di scoprire il profumo che usano, e acquistargliene un flacone a loro insaputa.
  4. Regaliamo un bel libro che parli di viaggi o avventure… gli terrà compagnia e li farà  evadere dalla loro quotidianità…tra i tanti vi consigliamo: “lo zaino è pronto, io no” del nostro amico Marco Lovisolo.  In alternativa, è molto carino il libro: “Parlami di te”, in cui Nonno o Nonna, possono completare le frasi, rispondere alle domande e raccontare ai nipotini, la loro storia per sempre.
  1. Creare con i colori l’impronta della propria mano, e recitare ai nonni la poesia di Jolanda Restano:

    “Per la festa dei nonni”

Ecco le mie manine sono pronte
a lasciarvi qui in dono le mie impronte
perché possiate sempre, anche un domani,
ricordarvi di me e delle mie mani,
che è vero sono spesso impiastricciate
di terra, sughi e dolci marmellate
di colori, di succhi e caramella
e alle volte anche di Nutella.
Ma pure se non son troppo pulite
io ve le porgo, nonni, che ne dite?
E stringo tra le mie le vostre dita
perché voi siete tutta la mia vita!

Consiglio per i “nipoti” più grandi…

Il regalo più bello che possa esistere, a mio parere, è quello di esprimere almeno in questo giorno, tutta la gratitudine che provate nei loro confronti. Potete scrivere una lettera, creare un breve video in cui inserire i momenti o le foto che hanno caratterizzato il vostro rapporto o semplicemente andarli a trovare e passare un po’ di tempo con loro. Perché quando si è grandi, presi ognuno dalle proprie vite, spesso dimentichiamo che quel che manca ai nostri nonni spesso è solo la compagnia e l’amore dei loro famigliari.

Spero di esservi stati utile, in caso non abbiate trovato nulla di indicato sull’articolo, potete sbizzarrirvi a cercare anche online… Amazon per esempio, ha una vasta scelta dedicata.

Al prossimo articolo!

Salve cari amici di Scrivere a Colori, eccomi qui con un nuovo post.

Finita l’estate,  e le vacanze… iniziamo a riprenderci i nostri spazi e a coccolarci nuovamente. Qualche settimana fa vi ho parlato di  come ridare nuova vita ai capelli , lo avete letto? E…avete iniziato a curarli????

Oggi vi parlo della cellulite, la nemica numero uno delle donne!

La cellulite non guarda in faccia nessuno, magre e meno magre, lei si pianta lì, un accumulo di grasso in zone circoscritte che dà al

la pelle il noto effetto buccia d’arancia. I primi colpevoli? Gli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili, che favoriscono la ritenzione dei liquidi.

Per prevenire ed ostacolare la cellulite bisogna rivedere il proprio stile di vita, prediligendo un’alimentazione sana e regolare, limitando l’uso del sale, degli zuccheri e dei grassi. Via libera invece all’acqua, bere infatti aiuta a eliminare i liquidi; un aiuto viene 

anche dal tè verde che accelera il metabolismo ed elimina le tossine.

 

 

 

 

 

Anche fare attività fisica costante aiuta nella lotta alla cellulite, andando a migliorare la circolazione sanguigna.

A proposito di fitness… è bene sapere che non tutti gli esercizi vanno bene!

Indicatissimo l’acqua-fitness in tutte le sue varianti; in caso di rilassamento dei tessuti associato alla cellulite viene in nostro aiuto il body butterfly, ancora poco conosciuto in Italia mentre già diffuso all’estero, attività che si svolge con la swing-bar; divertente e giocosa la danza fitness che attrae sempre più persone. In nostro aiuto viene anche il pilates, attività che si può svolgere anche comodamente da casa. 

Gli esercizi invece da evitare sono la corsa e lo spinning ad alta intensità.

E’ consigliabile adottare un programma di tonificazione è molto importante, effettuare una doccia post-sport, localizzando getti d’acqua fredda sulle gambe per riequilibrare il corpo e consentire alla circolazione di fluire in modo ottimale.

Si dice che una volta conosciuto il nemico è più facile sconfiggerlo, ora voi lo conoscete!

Non resta che cominciare da qualche parte, allora che aspettate ad iniziare?

Aspetto con ansia i vostri commenti…

Al prossimo articolo da Aline!

Salve mie care moms!
In questo periodo siamo tutte tornate dalle vacanze e si comincia a pensare all’autunno ormai alle porte e quindi, al tanto odiato cambio di stagione degli armadi e allo shopping selvaggio per i nostri bimbi!

Iniziando la scuola, iniziano anche gli impegni sportivi, culturali ecc ecc in pratica c’è bisogno ogni giorno di almeno 3 outfit diversi!

Tutti i Brands ogni anno ripropongono in varie versioni stampe di cartoon (alcuni che nemmeno conosciamo), per non sbagliare…basta acquistare capi  ever green… di cosa sto parlando? Dei capi di abbigliamento dedicati a Topolino o al mondo Disney!

Il tema Disney è uno dei più amati da noi mamme, a me personalmente rievoca alla memoria una t-shirt di Topolino anni ’80 in cui schiacciando le orecchie di Topolino si sentiva un suono tipo pernacchia..chi è della mia epoca se la ricorderà sicuramente perché in quel di Milano spopolava!

In ogni foto ritrovata, in ogni ricordo, tutti noi abbiamo avuto una maglia o un accessorio di Topolino, e scommetto che tanti, lo custodiscono ancora gelosamente.

Tra le tante rivisitazioni, online ho trovato questa t-shirt rossa… del fumetto più amato dai bambini. La stampa raffigura Paperino, ma il dettaglio  che ci fa rendere conto che si tratta di un capo moderno,  è l’hashtag che padroneggia in bianco: #ioleggotopolinoperché (così lanciamo anche un bel messaggio agli altri bimbi… leggere fa bene!!)


Ma da dove parte questo trend?
Cosa non ci ricordiamo più ormai quando compriamo un capo Disney?

Walter Elias Disney, conosciuto come Walt Disney è stato un animatore, imprenditore, disegnatore, cineasta, doppiatore e produttore cinematografico statunitense.
ha inoltre creato Disneyland, il primo e più famoso dei parchi a tema.

Con i suoi collaboratori ha creato molti dei più famosi personaggi dei cartoni animati del mondo; uno di questi, “Mickey mouse”, è secondo molti il suo alter ego. Inoltre, è la persona che ha vinto più Oscar in tutta la storia del Cinema, in 34 anni di carriera, ha ricevuto 59 nomination, vincendone 26! ( Se siete curiosi di conoscere più a fondo  il Sig. Walt, vi consiglio di guardare uno splendido film “Saving Mr. Bank” che racconta la vita di questo grande uomo.

Scusate la digressione ma non smetterò mai di stupirmi per tutto quello che ha creato dal nulla!

Ecco spiegato il perché se si compra un capo Disney, con le stampe di Topolino o degli altri personaggi, sapremo di fare comunque una scelta giusta: sempre alla moda per tutte le epoche passate,presenti e future!
Alla prossima..!

Luisa

L’estate, il tempo del sole, del mare, della spiaggia, si rivela essere un grande stress per i nostri capelli.

Il cuoio capelluto a causa dei raggi solari si indebolisce, così i capelli perdono luminosità, appaiono spenti e spesso cadono più che in altri periodi dell’anno.

Archiviate le vacanze estive è il momento di dedicarsi a cure mirate proprio per i nostri capelli.

Cosa fare?

Non è necessario tagliare come credenza popolare insegna. Innanzitutto bisogna scegliere uno shampoo delicato e nutriente o addirittura oli lavanti, optare poi non tanto per il balsamo che ha solo una funzione districante, ma per una maschera ricostituente a base di estratti naturali. Lo shampoo nel caso di lavaggi frequenti o quotidiani va applicato solo una volta; la maschera si applica sui capelli umidi, si lascia in posa dai 3 ai 10 minuti, quindi si risciacqua. Nel caso si voglia contrastare la caduta si deve – anche in questo caso – ricorrere a trattamenti specifici con sostanze antinfiammatorie e antiossidanti naturali. Spesso poi alla fine delle vacanze, specie se al mare, si sente il bisogno di sistemare il colore, optate allora per tinte senza ammoniaca.

Bastano pochi accorgimenti per ridare vita al cuoio capelluto e ai capelli inariditi dal sole della bella stagione.

Quindi…non tagliamo velocemente i capelli, ma CURIAMOLI tutto l’anno!

Aline

Carissimi lettori, in questo articolo vi parlo di “Lacrime di cera”, uno degli ultimi lavori di Liliana Marchesi, talentuosa autrice italiana, ma anche splendida mamma.

 

SCHEDA TECNICA:

Titolo: Lacrime di cera;

Autrice: Liliana Marchesi;

Editore: Dark Zone Edizioni;

Genere: Fantasy;

Formato:  Coperina flessibile, Kindle;

Prezzo: 13,70€  / 2,99€;

Pagine: 318;

Acquista ora: Amazon;

TRAMA:

In un mondo distrutto dalla guerra tra classi sociali, un nuovo Impero regna Sovrano. Un Impero costruito grazie alle capacità di una società progredita, ma legato alle tradizioni dell’ormai lontano Ottocento. Un Impero servito da automi dall’aspetto umano e la pelle rivestita di cera. Protetta dalle fredde mura di un palazzo inespugnabile, in Russia Camille vive la sua vita fra balli e ricevimenti, ignara di essere prigioniera di un’utopia. Contro il proprio volere, verrà promessa al futuro Imperatore. Un uomo meschino, violento e incapace di amare. Mossa dalla disperazione e in cerca di una via di fuga scoprirà l’esistenza di un sotterraneo segreto, dove troverà Lui, sua unica possibilità di salvezza. Su quali menzogne è stato costruito l’Impero Sovrano? Cosa c’è fuori dal palazzo?

RECENSIONE:

Premetto che non sono un’esperta dei generi letterari  Fantasy/Paranormal/Dystopian e che l’unica saga dispotica che conoscevo era “The Divergent“, il film tratto dai romanzi di Veronica Roth.  Avevo molte riserve su questo genere letterario ed ho iniziato la lettura con non pochi pregiudizi. Credevo si trattesse di storie tristi,  dalle ambientazioni scarne e cupe.

Dal resto per distopia s’intende:”una società indesiderabile sotto tutti i punti di vista”…e mi chiedevo quindi, cosa ci troveranno mai di bello in queste storie?

Penserete: “Quindi, perché leggerlo e recensirlo?” lo so… quindi eccovi la mia spiegazione.

Ho voluto recensire questo libro, proprio perché il mio parere sarà: genuino, incontaminato e soprattutto REALE! Inoltre…qualsiasi storia ben scritta vale la pena di essere letta, e sapevo già che Liliana è un’ottima scrittrice.

Come anticipato dalla trama, il libro è ambientato in un futuro non definito di un mondo dispotico,  dove passato e futuro si intrecciano grazie agli usi e costumi di corte, ma anche grazie ai racconti dei personaggi che man mano ci svelano parti salienti della vicenda.  Geograficamente siamo in Russia,  ed i protagonisti sono: Camille giovane e bellissima “Nobile”, e Chris un aitante automa “Ribelle”.  Al loro fianco, tantissimi altri personagi, ognuno con la propria personalità e con un ruolo ben definito.

I temi affrontati sono molteplici: in primis la lotta del bene contro il male, ma anche l’ amore, le discriminazioni sociali e  la violenza sulle donne .

Dalla lettura del libro, è possibile cogliere alcuni riferimenti  storico-culturali: il “castello dorato” in cui vivono i Sovrani sembra essere una reggia dell’Ottocento, dove i cortigiani passano la vita  tra balli, cene sfarzose e pettegolezzi.  lnoltre la civiltà creata dalla famiglia Ivanovič Morozov è simile  a quella desiderata da Hitler per i Tedeschi; entrambi i dittatori volevano creare una “razza pura” e governare i concittadini usando la “politica del terrore”, ed eliminando senza alcun scrupolo ogni oppositore.

Lo stile di scrittura di Liliana Marchesi è scorrevole ed incalzante, ne consegue una lettura piacevole e abbastanza veloce (anche in formato Kindle, che io solitamente non prediligo).

Unica pecca secondo me, è il finale un po’ scontato e meno approfondito rispetto agli altri capitoli. E’ vero che” l’happy ending” è il finale perfetto per ogni libro, ma avrei preferito nell’epilogo qualche pagina e dettaglio in più.

Nonostante ciò,  leggere “Lacrime di cera” mi ha dato la chiave di accesso ad un nuovo mondo; un mondo dove niente è come sembra, il mondo di Liliana Marchesi e dei romanzi Fantasy/dispotici.

Come Camille, mossa dalla curiosità si intrufolava all’interno di tunnel e nascondigli bui, alla ricerca della verità senza sapere a cosa andasse incontro; anch’io mossa dalla curiosità per questo nuovo genere letterario  mi sono buttata a capofitto nella lettura di  questo libro e devo dire che… mi è piaciuto parecchio! In Particolar modo ho amato le descrizioni dettagliate dei luoghi e degli avvenimenti. Descrizioni così minuziose che mi hanno fatto immaginare la morbidezza della pelle di Camille, o il tocco del merletto del suo abito da sposa… che mi hanno fatto perdere all’interno della narrazione e mi hanno fatto immedesimare con i bellissimi protagonisti.

CONCLUSIONI:

Penso che questo libro sia il giusto mix di azione, adrenalina e sentimento. Un libro scorrevole, da poter leggere ovunque e da chiunque.

Quindi  CONSIGLIATISSIMO!

Concludo riproponendo la citazione che l’autrice ha scelto come introduzione:

“Ciò che abbiamo intorno non cambia… siamo noi, che impariamo a guardare con occhi diversi”

Ed io grazie a questo libro ho iniziato a guardare con occhi diversi il mondo Fantasy/Dispotico.

Se vi ho incuriosito, ecco il link agli altri libri scritti dall’autrice: <<Libri >>,

Buona lettura,

Vita Maria

Ed eccoci qui, passano gli anni ed aumentano le emozioni!

Siamo arrivati alla prima elementare, Evviva!

Aiuto c’è modo di scappare? Di potersela svignare? No è vabbe mi devo rassegnare, da qui la strada sarà tutta in salita che c…o, Mamma attenta non si dicono le parolacce!

Ma come faccio a non dirle fino a ieri stringevo fra le braccia uno scricciolo ed ora siamo arrivati al primo giorno delle elementari!

Io ancora non ci credo che sono passati ben sei anni e la mia bimba è cresciuta.

 

Non ci ho creduto fino al giorno della recita scolastica, nel momento in cui gli hanno dato il diploma, mi sono detta “ Cavolo allora è vero la mia bimba è cresciuta”.

Le emozioni di quel giorno, non si possono descrivere a parole, è stata un fiume di lacrime.

Vederla lì fiera di quel pezzo di carta che stringeva nelle mani, felice del risultato raggiunto, mi ha fatto emozionare!

 

Dopo la recita sono iniziate le mie ansie, mi dicevo devo prepararla per le elementari.

 

A giugno la mia ansia, pensando all’inizio della scuola elementare, mi ha fatto comprare  i libri per prepararla.

 

Abbiamo provato i primi giorni ma poi ho la vedevo li sofferente, ogni pagina che faceva gli pensavate mi sono detta ma “ sto  cavoli è piccola e avrà tempo per prepararsi e per stare al passo con la scuola”, alla fine ho mollato, ho preferito che si godesse l’estate in tranquillità e spensieratezza senza stress pre-scuola!

 

Non ho idea di cosa ci aspetterà, non ho idea di come la prenderà questo nuovo percorso di vita, l’unica cosa che posso fare è accompagnarla senza creargli troppo nervosismo e cercando di rassicurarla impedendogli all’infinito che andrà tutto bene e che qualsiasi cosa succederà i suoi genitori saranno sempre accanto a lei!

 

Al prossimo post con le emozioni dei primi giorni di scuola, da Enisla Meca!

Carissime amiche,

eccoci nuovamente online, dopo due settimane di (speriamo meritata) pausa estiva.

Riprendiamo come ogni lunedì,  parlandovi di Benessere; ed oggi in particolare, vi parliamo di “Healthy foods” e della  Friggitrice ad aria Philips, un elettrodomestico che mette di buon umore tutta la famiglia… volete sapere perché?Anche se sappiamo che la frittura fa male, tutte noi ci ritroviamo quotidianamente a cucinare cibi grondi di olio, ipercalorici e a volte anche bruciacchiati…ma estremamente saporiti perché richiesti dai nostri bambini, e/o perché diciamoci la verità: Qualsiasi alimento FRITTO, diventa decisapmente più buono!

Ritornando dalle vacanze (con qualche chiletto in più) a tutte viene in mente che bisogna cambiare abitudini alimentari, mangiar sano e perdere peso…ma quante di noi poi fanno qualcosa per migliorare lo stato delle cose?

Per questo abbiamo deciso di parlarvi di una “alleata”,  capace di:

    • Cucinare in modo salutare (con fino all’80% di grassi in meno);
    • Eliminare definitivamente i cattivi odori di frittura;
    • Evitare bruciature ed esplosioni causate dall’olio bollente;
    • Friggere in qualsiasi luogo della casa;

Il tutto…senza rinunciare al buon sapore e alla croccantezza dei cibi!

Pensate che un elettrodomestico del genere sia utopia? ed invece… no, la Friggitrice ad aria  risponde a tutte queste caratteristiche.

Il modello Airfryer XL della Philips ad esempio, secondo noi è quello più adatto ad una famiglia… oltre a preparare ben 5 piatti…ha un design lineare che sta bene in tutti gli ambienti,  ed è  lavabile anche in lavastoviglie…cosa chiedere di più?

Eccovi qualche informazione in più…

La friggitrice sfrutta il sistema:  Rapid Air per friggere perfettamente con pochi o senza grassi aggiunti. Il vettore di calore non è quindi l’olio come in quelle tradizionali, ma è la stessa aria. L’aria riscaldata viene fatta circolare a velocità molto elevata in modo da consentire una cottura uniforme simulando il comportamento dell’olio nella frittura classica. In pratica con questo elettrodomestico è possibile: cuore al forno, arrostire, grigliare e naturalmente friggere in modo più leggero e salutare.

Il prezzo consigliato è di 299,00€, ma ad esempio abbiamo visto che per i nuovi clienti, sul sito Philips, è possibile usufruire attualmente  dello sconto del 25%!

Dove trovarla?

Potrete acquistare la friggitrice nei migliori negozi di elettrodomestici, oppure online sul sito ufficiale della Philips, o su Amazon;

Molto importante è che anche tutti i pezzi di ricambio e gli accessori dell’elettrodomestico, sono facilmente reperibili e sostituibili grazie all’ecommerce Philips.

Che ne pensate? Noi di “Scrivere a colori” ci siamo proprio innamorate di questo elettrodomestico e stiamo già sbirciando le Ricette che Philips ha selezionato per i suoi clienti, in attesa di ricevere la nostra Friggitrice ad aria.

Al prossimo articolo…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: